Vi siete mai domandati come si arriva ad una separazione? Spesso questo momento viene vissuto come un “fulmine a ciel sereno“; in realtà il processo separativo è quasi sempre preceduto da una serie di segnali chiari ed inequivocabili che però non vengono adeguatamente decodificati ed attenzionati dalla coppia.

Continui malumori, prolungati silenzi, liti furibonde, spalle girate nello stesso letto, sono solo alcuni dei segnali che testimoniano la sofferenza di una coppia; ma ci sono i figli, la casa, gli impegni economici che spesso rappresentano la spinta a rimanere insieme, ignorando quel malessere che aleggia dentro e tra i partner.

Si tratta di un malessere cupo, sordo, nutrito da dispetti e disprezzi taciuti, da una sorta di “tristezza sincronizzata” che immobilizza i partner.

La coppia inizia a “perdersi di vista” sul piano affettivo e su quello sessuale: niente più comunicazioni di tipo emozionale ma semplici conversazioni di servizio legate al menage familiare. E il sesso diventa sempre più scadente fino ad esaurirsi del tutto.

I malumori e le insofferenze dilagano in tutte le stanze della vita di coppia e il dialogo diventa sempre più uno strumento punitivo, con contenuti ed intensità aggressivi, toni esacerbati e anche offensivi.

Ed iniziano a cambiare le abitudini della coppia, che piano piano tende a cercare in “altro” una forma di appagamento psico-corporeo alla mancanza dell’amore del proprio partner.

“Altro” può essere il lavoro, un contesto in cui iperinvestire così da avere una sorta di “intimità sostitutiva” anche con connotazioni erotizzate.

“Altro” può essere il mondo virtuale, che spesso diventa una dolce compagnia utile a lenire le frequenti solitudini mascherate, e che conferisce quella illusoria sensazione di potersi sottrarre all’infelicità coniugale.

“Altro” può essere l’alcool, il cibo, l’uso di droghe.

“Altro” può essere una relazione extraconiugale, che sia un’avventura sessuale priva di significato o una vera e propria relazione satellite, comunque un amore parallelo che permette il nutrimento di autostima, narcisismo, psiche e che paradossalmente alimenta la “stabilità di un matrimonio instabile“.

Tante sono oggi le coppie scompaginate sul piano affettivo-emotivo ma tristemente unite” nel silenzio e nella dimensione degli obblighi, che si stordiscono di tanto altro piuttosto che incontrarsi con i loro reali bisogni.

Ma quali sono le reali motivazioni per cui la coppia, già “separanda sul piano psichico“, decide di rimanere insieme?

Il senso del dovere spesso contribuisce a mantenere la coppia unita: evitare un dolore ai figli, una delusione ai propri genitori, incita la coppia alla finzione. Strategie confusive ma funzionali alla recita si intersecano così con elementi di realtà, alimentando il proprio senso di malessere.

Si tratta di una costante lotta tra il principio di piacere e quello del dovere, amplificata e nutrita dalle tante difficoltà del vivere quotidiano.

Ma quando la coppia è diventata il luogo dell’infelicità e del silenzio dei sensi, dell’assenza nella presenza, il principale motivo che spinge a rimanere insieme è uno: la paura della sofferenza.

La fine di un rapporto è uno tra gli eventi più dolorosi e destabilizzanti che l’essere umano possa sperimentare. Si tratta di un vero e proprio lutto in cui ciascun partner non solo perde l’altro ed il mondo costruito insieme, ma perde anche una parte di sè, quella parte della propria identità relativa al vivere in coppia.

Quando due partner decidono di vivere insieme, affrontano una mediazione, un adattamento personale in funzione della vita coniugale. Si inizia, quindi, a condividere la propria quotidianità con un individuo che prima di allora era un perfetto sconosciuto, e questo comporta inevitabilmente non solo una ridefinizione delle proprie abitudini, ma anche una ristrutturazione di personalità.

Separarsi quindi significa soffrire e far soffrire, ma significa anche “destrutturarsi” e ricostruire la propria identità in una nuova prospettiva, fatta di nuove abitudini, di nuovi ritmi, di nuove sfide da affrontare. Significa lasciare il certo per l’incerto, e questo è un altro elemento che genera grande paura nelle persone.

E’ importante sottolineare che spesso molte coppie si formano sulla base di scelte inconsce, spesso non aderenti alla realtà, scelte che soddisfano altri bisogni quali, ad esempio, il bisogno di allontanarsi dalla propria casa, di diventare genitori, ed in questi casi il partner rappresenta solo un mezzo attraverso il quale realizzare i propri desideri.

Altre coppie, invece, si scelgono sperando poi che l’altro magicamente cambi, si modifichi in funzione dell’amore; questo spesso non avviene e l’illusione d’amore si trasforma nel tempo in una catastrofica scoperta di solitudine estrema.

Il malessere che dà inizio al processo separativo comincia più velocemente quando i partners si sono scelti in funzione di “scelte proiettive” e desideri inconsci, ma avviene anche nel momento in cui la fatica del vivere quotidiano e il disinvestimento sul legame d’amore prendono il sopravvento lasciando il rapporto in balia delle intemperie e delle seduzioni della vita.

Affinchè un legame duri, è necessario non smarrire la dimensione della cura, dell’accudimento, della creatività di gioco, della fantasia sessuale, tutte “spezie” necessarie al progetto d’amore. 

Dott.ssa Cecilia Pecchioli

    close-link

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni e privacy

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.PSICURA S.R.L. OGGETTO: INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DEL REGOLAMENTO UE 2016/679 E RILASCIO DEL CONSENSO Egregio utente, Gentile utente,desideriamo informarla che i suoi dati personali, ivi compresi quelli sensibili, saranno utilizzati PSICURA S.r.l. in persona del legale rappresentante pro tempore, P. IVA 11303280967 (con i dati di contatto: telefono XX; sede legale in 20124 Milano, Viale Zara, 58, email info@XX, PEC psicura@pec.psicura.com) in ottemperanza al Regolamento UE 2016/679 in materia di General Data Protection Regulation ed ai suoi principi ispiratori volti a garantire liceità, correttezza, trasparenza nella trattazione dei dati personali. 1. Finalità del trattamento dei dati e base giuridica del trattamento, limitazione della finalità e minimizzazione dei dati Il trattamento dei suoi dati personali è finalizzato al fine di fornire i servizi necessari al conseguimento dell’oggetto sociale (creazione siti internet, creazione pagine web, creazione piattaforme online e motori di ricerca, nonché organizzazione e coordinamento di professionisti per la prestazione di servizi di salute mentale anche attraverso la rete internet), quali l’identificazione degli utenti, la copertura assicurativa, anamnesi, diagnosi, percorso di cura, comunicazioni senza fini commerciali e commerciali solo con specifico consenso, profilazione degli utenti e analoghe sempre inerenti i citati scopi istituzionali, con le specifiche di cui in seguito. La raccolta dei Suoi dati è finalizzata all’erogazione della consulenza psicologica attraverso il metodo TSS- SINGLE SESSION TERAPHY che il professionista da Lei scelto fornisce attraverso il portale messo a disposizione di PSICURA S.R.L.. Ad esclusione dei dati potenzialmente sensibili relativi al Suo stato di salute, il trattamento avverrà anche ai fini di ricerche di mercato e di elaborazioni statistiche. Si precisa che Psicura S.r.l. si atterrà al principio di limitazione della finalità del trattamento e che i trattamenti eventualmente successivi a quelli iniziali non avranno finalità incompatibile a quella originaria. Ci si atterrà inoltre al principio di minimizzazione dei dati, limitando al minimo il numero dei dati personali cui si verrà in possesso ed i soggetti che potranno averne contezza. 2. Esattezza Psicura S.r.l.. terrà aggiornati i suoi dati cancellandoli a sua richiesta, salve esigenze di tipo fiscale/tributario o inerenti le cure in atto, e rettificando tempestivamente i datti inesatti, previo esercizio di tale facoltà da parte dello stesso interessato. 3. Limitazione della conservazione- durata del trattamento I dati saranno conservati in forma da garantire la sua identificazione per un arco temporale non superiore al conseguimento delle finalità di cui al punto 1, nonché in applicazione della normativa fiscale di riferimento. 4. Integrità e riservatezza Al fine di garantire adeguata sicurezza del dato trattato, compresa la protezione dello stesso da trattamento non autorizzato o illecito o dalla perdita-distruzione o danno accidentale sono attuate le seguenti misure: backup dei dati conservati in formato informatico cadenza regolare almeno semestrale; accessi informatici tracciati tramite username e password modificate a cadenza regolare almeno mensile; utilizzo di programmi software solo licenziati; archivio dei dati accessibile solo dagli incaricati al trattamento designati formalmente a trattarli con registrazione degli accessi; presentazione scritta delle modalità di accesso ai dati; archivio dei dati c.d. sensibili ad accesso controllato e chiuso a chiave. 5. Modalità del trattamento dei dati a) Il trattamento in parte in via cartacea in parte informatica. b) Le operazioni possono essere svolte con o senza l’ausilio di strumenti elettronici o comunque automatizzati e saranno poste in atto tutte le misure tecniche ed organizzative di cui al punto 4. c) Gli archivi contenenti dati sensibili saranno protetti mediante chiusura a chiave e accessibili soltanto da incaricati a ciò facoltizzati, con registrazione in forma scritta di ogni accesso. d) I soggetti che possono accedere ai locali dello Studio dentistico fuori dall'orario di chiusura sono specificamente identificati e registrati: l’elenco è richiedibile al Titolare o all’incaricato di riferimento. 6. Titolare del trattamento ex art. 24 GDPR Titolare del trattamento è PSICURA S.r.l. in persona del legale rappresentante pro tempore, P. IVA 11303280967, telefono XX, sede legale in 20124 Milano, Viale Zara, 58, email info@XX, PEC psicura@pec.psicura.com 7. Responsabile del Trattamento ex art 28 GDPR I dati potranno essere comunicati a Responsabili del trattamento esterni che hanno stipulato specifici accordi, convenzioni o protocolli di intese, contratti con il Titolare del trattamento e a disposizione presso la sede del Titolare del trattamento. 8. Incaricato del Trattamento ex art 29 GDPR Incaricati del trattamento dei dati personali sono i collaboratori, i cui dati identificativi e inerenti il profilo professionale sono disponibili, a richiesta, presso il Titolare, in qualità di collaboratori/dipendenti/assistenti di Psicura S.r.l., che sono stati istruiti e formati per il corretto trattamento dei dati e designati mediante incarico effettuato per iscritto. 9. Conferimento dei dati. Il conferimento dei dati personali comuni identificativi unitamente a tutti i dati aggiuntivi ritenuti dal Titolare necessari, è strettamente necessario ai fini dello svolgimento delle attività di cui al punto 1. 10. Rifiuto di conferimento dei dati. L’eventuale rifiuto da parte dell’interessato di conferire dati personali comporta l’impossibilità di adempiere alle attività di cui al punto 1. 11. Comunicazione dei dati. I dati personali possono venire a conoscenza degli incaricati del trattamento, i cui riferimenti sono reperibili presso il Titolare, e possono essere comunicati per le finalità di cui al punto 1 a collaboratori esterni, soggetti operanti nel settore e, in genere, a tutti quei soggetti pubblici e privati cui la comunicazione sia necessaria per il corretto adempimento delle finalità indicate nel punto 1. Potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti i dipendenti e/o collaboratori del Titolare incaricati di gestire i dati personali. Tali soggetti tratteranno i dati dell'Utente esclusivamente per le finalità indicate nella presente informativa e nel rispetto delle previsioni del Codice Privacy e del Regolamento Europeo. Se necessario, potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti anche soggetti terzi che potranno trattare i dati personali per conto del Titolare in qualità di “Responsabili esterni del trattamento”. Gli utenti hanno il diritto di ottenere una lista degli eventuali responsabili del trattamento, facendone esplicita richiesta al Titolare. 12. Diffusione dei dati. I dati personali non sono soggetti a diffusione, fatto salvo quanto autorizzato espressamente nel consenso e quanto strettamente necessario all’attività istituzionale di PSICURA S.r.l. 13. Trasferimento dei dati all’estero. I dati personali possono essere trasferiti verso Paesi dell’Unione Europea e verso Paesi terzi rispetto all’Unione Europea nell’ambito delle finalità di cui al punto 1, senza che vengano ceduti a terzi soggetti, salva operatività del server gestionale se delocalizzato all'estero. 14. Trattamenti automatizzati Tenendo conto dello stato dell’arte e dei costi di attuazione, nonché della natura, dell’oggetto, del contesto e delle finalità del trattamento, come anche del rischio, in termini di probabilità e gravità, per i diritti e le libertà delle persone fisiche, il Titolare adotta misure tecniche ed organizzative ritenute appropriate a garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio. I trattamenti automatizzati saranno i seguenti: archiviazione e conservazione del dato personale e del dato sanitario. 15. Diritti dell’interessato. Desideriamo informarla che il Regolamento UE 2016/679 in materia di General Data Protection Regulation Le conferisce specifici diritti da esercitare sui suoi dati personali, tra cui quello di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento dei dati personali che La riguardano o il diritto di opporsi per motivi legittimi al loro trattamento. Il diritto alla portabilità dei dati, inteso quale diritto di ricevere in un formato strutturato di uso comune e intelligibile da dispositivo automatico i dati che La riguardano forniti a Psicura S.r.l. e il diritto di trasmettere tali dati ad un altro Titolare del trattamento senza impedimenti. Il diritto ad ottenere la trasmissione diretta dei dati personali dal Titolare Psicura S.r.l. ad altro titolare del trattamento se tecnicamente fattibile. Ogni interessato potrà esercitare i diritti sovramenzionati inviando richiesta scritta alla segreteria del Titolare con risposta entro giorni 30 o al massimo di mesi tre in caso di risposte o valutazioni complesse. 16. Interessi legittimi del Titolare I legittimi interessi del titolare del trattamento o di terzi possono costituire valida base giuridica del trattamento, a condizione che non prevalgano gli interessi o i diritti e le libertà fondamentali dell’interessato. In generale, possono sussistere tali legittimi interessi quando esiste una relazione pertinente e appropriata tra titolare del trattamento e interessato, ad esempio quando l’interessato è un cliente del titolare. Costituisce, in particolare, legittimo interesse di Psicura S.r.l.. trattare dati personali dell’utente: a fini di esercitare l’attività istituzionale in sicurezza, fornendo un servizio psicologico professionale e personalizzato, per finalità di marketing nei confronti di utenti consenzienti (via e-mail, anche previa profilazione diretta a personalizzare le comunicazioni commerciali, per prodotti/servizi analoghi a quelli acquistati in precedenza), per assicurare la libera circolazione dei medesimi dati all’interno di delle infrastrutture, anche informatiche, del Titolare, ovvero relativi al traffico, al fine di garantire la sicurezza delle reti e dell’informazione, vale a dire la capacità di una rete o di un sistema di resistere a eventi imprevisti o ad atti illeciti che possano compromettere la disponibilità, l’autenticità, l’integrità e la riservatezza dei dati.

    Chiudi